La proroga per l’invio dei dati relativi alle fatture estere, annunciata il 13 febbraio scorso dal sottosegretario all’Economia, Massimo Bitonci, è arrivata. Il Decreto prevede anche la proroga per l’invio dell’ultimo spesometro e per la comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA.

Come anticipato nella giornata di ieri in una nota ufficiale dal Ministero dell’economia e delle finanze, il D.P.C.M., che proroga la scadenza dell’ultimo spesometro e dell'esterometro, è arrivato alla firma e sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale dopo la registrazione preso la Corte dei Conti.

Nello specifico, il Decreto stabilisce la proroga al 30 aprile sia dell’ultimo ultimo spesometro (ultimo perché l’obbligo è andato in pensione con l’introduzione della fattura elettronica dal 1° gennaio 2019) che dell’esterometro. La proroga relativa all’ultimo spesometro riguarda le comunicazioni del terzo e del quarto trimestre 2018 e, per coloro che hanno optato per la trasmissione semestrale, del secondo semestre 2018. La proroga relativa all’esterometro riguarda sia la scadenza di invio di fine febbraio, con riferimento alle fatture estere di gennaio, che di fine marzo, con riferimento alle fatture estere di febbraio.

Rinviato al 10 aprile 2019 anche il termine, che sarebbe scaduto il 28 febbraio come per l’ultimo spesometro e per l’esterometro, per la comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA del quarto trimestre 2018.

Dunque, chi ha emesso o ricevuto fatture estere dal 1° gennaio 2019 al 28 febbraio 2019 dovrà inviare le relative comunicazioni all’Agenzia delle entrate entro la data del 30 aprile 2019. Sempre entro il 30 aprile dovranno essere inviate le comunicazioni dell’ultimo spesometro 2018.

Entro il 10 aprile dovrà essere inviata la comunicazione relativa alla liquidazione IVA del quarto trimestre dello scorso anno.

Tags: Fattura elettronica

Concetta Di Filippo

Concetta Di Filippo

Laureata in lettere con il massimo dei voti presso l'Università La Sapienza di Roma, specializzata in archivistica, paleografia e diplomatica presso l’Archivio di Stato di Roma, dopo aver maturato esperienze dapprima nell’ambito della gestione e valorizzazione degli archivi storici, poi nell’ambito di progetti di dematerializzazione di archivi correnti della Pubblica Amministrazione, approda in Siav nel 2014. Da allora, ha partecipato, ricoprendo incarichi di responsabilità, a molteplici progetti di digitalizzazione di archivi in ambito PA. Dal 2018, fa parte del Solution Competence Center di Siav in qualità business consultant senior. Per l’Osservatorio Normativo di Siav, segue, in special modo, l’evoluzione delle tematiche relative a: gestione documentale, conservazione digitale, fatturazione elettronica e protezione dei dati personali.

Torna alla home page del Blog

Torna al Blog

Resta sempre aggiornato

Iscriviti alla newsletter