Il Blog Siav

Novità ed approfondimenti dal mondo digitale

I software di Business Process Management aiutano a rendere più semplici, efficienti e veloci i processi aziendali. Questo tipo di applicazioni, infatti, ha il compito di gestire in modo automatizzato il funzionamento dei processi, generando dati per mezzo dei quali si possono effettuare analisi e report utili ai decisori aziendali per perfezionare l'operatività interna, migliorare le performance e di conseguenza aumentare i risultati di business. Il fine di queste soluzioni è quindi, in ultima analisi, aumentare le revenue agendo su due leve fondamentali: il miglioramento della qualità del lavoro svolto per mezzo di processi più controllati e la riduzione dei costi grazie all'aumento di efficienza.

    

Ecco cosa fanno i software di Business Process Management

Le applicazioni di Business Process Management consentono di disegnare ed organizzare le attività stabilendo l’ordine delle cose da fare, gli attori coinvolti e le varie condizioni da rispettare nell’esecuzione dei processi.  Gestire digitalmente i processi aziendali, più nello specifico, porta ad automatizzare quelli più semplici e ripetitivi ma anche e soprattutto a fissare le priorità e distribuire i compiti in base a regole predefinite, facilitando il lavoro quotidiano e raccogliendo le informazioni utili a determinare i cosiddetti “colli di bottiglia” o le eccezioni non previste che appesantiscono l’operatività. Per questa ragione possono rappresentare un prezioso aiuto per i decisori aziendali che vogliano ottimizzare i processi più strategici.

Business Process Management: dove intervenire per ottimizzare i processi di lavoro

I software di Business Process Management raccolgono dati qualitativamente rilevanti sui processi che permettono di indicare dove intervenire per apportare miglioramenti e orientano a percorsi strutturati che conducono a flussi di lavoro ottimizzati. Monitorare tutti i passaggi che caratterizzano i processi vuol dire, per esempio, individuare i punti dove possano verificarsi errori, capire quali sono le eccezioni (per comprendere come gestirle), accorgersi delle situazioni dove i carichi di lavoro non sono bilanciati e così via.

Compiuta quindi tale analisi dello stato dei processi e individuate le criticità, è più facile ipotizzare possibili soluzioni, metterle in atto e verificare oggettivamente che i risultati siano coerenti con gli obiettivi che man mano l'organizzazione si fissa.

 

I vantaggi dei software di Business Process Management

Questi applicativi aiutano a far in modo che ciascun dipendente sia focalizzato sugli obiettivi dell'azienda, lavorando con colleghi, partner e fornitori in modo coordinato e favoriscono un cambiamento culturale teso a creare valore dalla collaborazione efficace e strutturata dei singoli. Naturalmente, più è elevato il numero di persone e processi gestiti per mezzo del software maggiore è il vantaggio dell'organizzazione che lo ha implementato.

I benefici generati dall'adozione di software di Business Process Management, vengono di molto estesi se ad essi si affiancano strumenti di Process Mining che sfruttando i log dei sistemi informatici permettono di ottenere una mappatura e misurazione dei processi reali , con statistiche preziose per intervenire dove vi sono opportunità di miglioramento, al fine di ridurre costi ed evitare sprechi.

Il Business Process Management permette di ripensare l’azienda per processi

Introdurre in azienda una soluzione di Business Process Management significa in primo luogo innestare un cambiamento culturale e promuovere un approccio innovativo, che permette di adottare come centrale la logica di processo, spostando il focus dalle funzioni ai processi.

Software di BPM e collabiration

I workflow digitali di una piattaforma BPM, garantendo di superare la rigidità dei silos dipartimentali e abbracciando una logica di processo, potenziano la collaboration.

Le migliori piattaforme di Business Process Management consentono di gestire sia processi standardizzati e per natura ripetitivi sia offrire funzionalità di collaborazione flessibili tramite le quali ingaggiare rapidamente uno o più colleghi per lo svolgimento di un’attività, il tutto restando sempre all’interno del sistema.  

Queste funzionalità permettono di migliorare la coordinazione e di armonizzare il contributo dei diversi attori e dipartimenti coinvolti. Ne deriva una maggiore collaborazione e una migliore condivisione di dati e informazioni, insieme alla diminuzione degli errori umani e delle e-mail.

Ottimizzazione dei processi di lavoro al 100% con il BPM

Rivedere i processi in modo veloce, esprimendo flessibilità e capacità di adattamento, si traduce nell'opportunità di rispondere alle esigenze del mercato in modo efficiente senza eccessivo dispendio di energie.

Avere sotto controllo gli indicatori di prestazione (KPI) mantiene lo sguardo dell'organizzazione fisso sulle proprie necessità interne in modo che la gestione delle attività e delle risorse loro dedicate (siano esse il personale, le macchine produttive così come il tempo) sia sempre corretto, nel pieno rispetto dei budget.

Dopo il BPM, il Business Process Improvement

Permettendo l’analisi dei processi as is, la loro ridefinizione e trasformazione in modalità full digital e, successivamente, l’analisi delle relative performance, il BPM permette di guardare avanti e fornisce un supporto indispensabile alla funzione di business process improvement, perché consente di pianificare – con cognizione di causa – efficaci azioni correttive e di rimodellare i processi logistici – ma non solo - esistenti.

New call-to-action

Tags: Digital transformation